Threat Index Check Point: Italia in cima agli Stati d’Europa vittime di malware

L’ascesa delle minacce malware ai danni delle reti aziendali continua, ha confermalo è ancora una volta il Threat Index Check Point di Check Point Software Technologies.

Il report relativo allo scorso mese di ottobre mette in luce come sia la quantità delle varianti attive di malware che quella degli attacchi riconosciuti, sia aumentata del 5%, con un picco del 15% per quanto riguarda l’Italia che ora si trova al primo posto tra gli Stati più colpiti in Europa e al ventiseiesimo a livello mondiale.

I malware più diffusi

Stando a quanto riportato da Threat Index Check Point, Conficker, worm che consente operazioni da remoto e download di malware, si conferma ancora una volta come il più dannoso, con il 17%. Al secondo posto troviamo Locky, ransomware che si diffonde attraverso email spam, e sul terzo gradino del podio Zeus, trojan bancario responsabile del 5% degli attacchi riconosciuti.

Per quanto riguarda le minacce ai dispositivi mobile HummingBad, il malware per Android che tramite l’inserimento di un rootkit compie azioni malevole, mantiene saldo il suo primato ormai da 7 mesi.

Oltre ai malware sopra citati, ormai noti, una nuova minaccia mette a rischio le reti aziendali. Si tratta di Boingberg, una backdoor mirata per piattaforme Windows in grado di colpire un sistema dall’interno, bloccando il sistema anti virus.

Come si possono proteggere le aziende

Nathan Shuchami, Head of Threat Prevention di Check Point spiega nel dettaglio in che modo le aziende posso mettere in sicurezza le proprie reti.

“Con l’aumento degli attacchi e delle varianti di malware, le aziende, per mettere in sicurezza le proprie reti, si ritrovano ad affrontare una sfida titanica. I primi 10 malware più diffusi sono sostanzialmente invariati rispetto a settembre, e questo lascia pensare che i cybercriminali abbiano conseguito ottimi risultati con questi attacchi, con il messaggio, per le organizzazioni, della necessità di una risposta proattiva per difendere le informazioni aziendali più riservate. Per tutelarsi, le organizzazioni devono adottare una strategia completa, e munirsi di misure di advanced threat prevention per le reti, gli endpoint e dispositivi mobili, in modo da bloccare i malware allo stadio pre-infettivo”.

Gli esperti di Alfa Group sono a vostra disposizione per ulteriori informazioni in merito ai sistemi di sicurezza per proteggere le reti aziendali dai malware. Non esitate a contattarci!