Cyber Day: al Segretariato Generale della Difesa si parla di Sicurezza Informatica

Enti pubblici e militari, aziende private ed esperti del Settore si sono incontrati a Roma il 21 Novembre 2018 per una giornata di confronto sui temi della Cyber Security. Alfa Group tra i partner dell’evento.

Lo scorso 21 Novembre la sala conferenze di Palazzo Guidoni, sede del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti, è stata teatro del Cyber Day, convegno dedicato al mondo Cyber e alle tematiche di Security promosso dal V Reparto Innovazione Tecnologica del Segretariato Generale della Difesa in collaborazione con il Comando Interforze per le Operazioni Cibernetiche (CIOC).

L’evento si è configurato come una giornata di confronto e dialogo tra il settore militare, l’industria e le aziende private del settore IT (tra cui Alfa Group), nata con l’obiettivo di condividere esperienze e conoscenze sulle minacce Cyber e le tecnologie e metodologie per contrastarle efficacemente, allo scopo di incrementare le capacità di difesa. Tale obiettivo è stato sottolineato dal Generale Nicolò Falsaperna, segretario generale della Difesa e direttore nazionale degli Armamenti, che ha aperto i lavori e ricordato l’importanza del ruolo dell’elemento umano nell’ecosistema Cyber caratterizzato da una interazione continua tra uomo e tecnologia.

Tra i relatori susseguitisi nel corso della mattinata alcuni dei più importanti rappresentanti del mondo della Difesa e del mondo industriale: il capo di Stato maggiore della Difesa, il generale Enzo Vecciarelli, il sottogretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo, il Generale Francesco Vestito, Comandante del CIOC, e altre numerose autorità militari, civili e dell’industria nazionale.

Uno dei momenti salienti dell’evento è stato costituito dal Role Play: attraverso una simulazione messa in scena da professionisti di Alfa Group e di altre aziende del settore ICT (Selta, Hermes BayDeloitteCy4Gate e Prisma srl)  la platea è stata proiettata nel mezzo di una riunione del CdA di un provider energetico durante un attacco Cyber, che ha causato un blackout ed una serie di disservizi in tutta la città. Dalla simulazione sono emerse subito le principali criticità che un’azienda, senza adeguate misure di prevenzione e contrasto delle minacce né procedure appropriate per la gestione della crisi, si ritrova ad affrontare: mancanza di comunicazione efficace tra le aree aziendali, difficoltà a risalire alle cause del problema, disaccordi nella prioritizzazione delle contromisure, il tutto mentre l’attacco Cyber continua, tra esfiltrazione di dati, richiesta di riscatto, rischio di perdite di immagine e di valore economico, fino al blocco totale delle attività.

A seguito della simulazione, le aziende intervenute hanno proposto soluzioni, metodologie e approcci per non farsi trovare impreparati da crisi ed attacchi di tipo Cyber, per fronteggiarli in maniera efficace e ridurre al minimo i danni derivati. In questo contesto Gaetano Ascenzi, Information Technology Officer di Alfa Group, ha osservato come, per quanto eccellente possa essere il livello di preparazione di un’organizzazione, è impossibile prevedere nel dettaglio tutte le evoluzioni e le conseguenze di una crisi. “Il Cyber Crisis Management non può fare affidamento su un framework di processi rigidi e strutturati, difficilmente adattabili a situazioni non del tutto prevedibili” ha dichiarato Ascenzi. “Ad oggi, nessun sistema di intelligenza artificiale è in grado di sostituire il fattore umano nella presa delle decisioni necessarie a fronteggiare la crisi man mano che si evolve; quello che Alfa Group si prefigge di fare, grazie alla piattaforma di Case Management RHD, è fornire all’uomo un ausilio per la messa in opera in tempo reale di tali decisioni, attraverso una ricostruzione ed evoluzione continua di un framework che consenta a tutti gli attori di agire nel modo più efficace ed efficiente possibile.” ha concluso.

Vuoi vedere i momenti salienti del Cyberday? Sfoglia la gallery!