Migrare in Cloud i processi aziendali, in sicurezza!

La digitalizzazione porta una nuova, grande sfida che accomuna tutte le aziende che desiderano mantenere una competitività nel mercato: quella di diventare “agili”, per rispondere in maniera proattiva alle nuove esigenze del mercato e reagire ai nuovi scenari lavorativi e sociali mondiali.

L’approccio che prevedeva la creazione di un’applicazione e la sua esecuzione senza l’apporto di modifiche, anche per anni, è ormai superato: la “trasformazione digitale”, che spesso implica un mix di modernizzazione delle applicazioni e adozione del cloud, è diventato un concetto «mainstream». Un cambiamento culturale a favore della centralità della figura del “Cliente” da un lato, e la pressione da parte delle start-up «agili» dall’altro, ha spinto la maggior parte dei settori a adottare tecnologie Cloud in tempi relativamente brevi, persino società finanziarie e sanitarie avverse al rischio.

La disponibilità dei software/servizi H24 è diventata una prerogativa per tutte le aziende, soprattutto in questo momento storico in cui l’accessibilità ai sistemi informatici non deve avere un luogo fisico ma deve essere garantita, in maniera semplice e sicura, avendo a disposizione una connessione Internet.

Il primo passo nella direzione di un simile livello di agilità è quindi senz’altro l’“abbandono” della sede fisica come unico accentratore delle attività, delle funzioni e delle soluzioni a supporto del proprio business: tutti i processi aziendali devono trascendere lo spazio circoscritto alla sede, consentendo di avere tutto sempre collegato, via Internet, senza limiti di orario e tantomeno di presenza per poter accedere alle informazioni della propria organizzazione.

L’adozione del Cloud non consiste semplicemente nello spostare i server fisici in un ambiente virtuale, né si tratta di un progetto ad esclusiva competenza dell’area IT. Il processo di migrazione delle applicazioni esistenti verso il cloud è complesso e spesso coinvolge tutte le aree di un’organizzazione: è un processo di trasformazione profonda, di natura tanto tecnologica quanto culturale, che interessa molti gruppi di lavoro e spesso richiede una stretta collaborazione tra diverse aree, come ad esempio finance, compliance, product, IT,  e molte altre.

Il processo di adozione di soluzioni native cloud necessita di un’approfondita analisi dei software aziendali: Software ERP (come, ad esempio, gli ERP di SAP) o per la gestione dei processi di business (come il nostro RHD) sono strumenti di lavoro fondamentali nell’operatività quotidiana di un’organizzazione, e pertanto devono garantire una continuità nelle modalità di utilizzo, anche in ambiente Cloud.

Questo rende imprescindibile per la migrazione in Cloud non solo una competenza tecnologica in ambito informatico ma, soprattutto, la conoscenza dei software aziendali che ne costituiscono l’architettura.

Questa competenza specifica sui software verticali aziendali distingue ALFA GROUP rispetto ad altri system integrator che offrono semplici migrazioni dei carichi di lavoro in Cloud senza avere contezza dei software che si stanno migrando con i relativi processi di business impattati.

Oltre a migrare i server aziendali da ambienti on-premise verso il cloud aiutiamo le aziende ad ottimizzare i costi delle infrastrutture informatiche rendendole scalabili e sicure, proteggendo il valore che risiede nei dati aziendali.

Ogni progetto di migrazione al cloud è unico!
Il successo di qualsiasi migrazione dipende dalla comprensione dello stato attuale, il cosiddetto AS-IS, e di destinazione dell’organizzazione e dai passaggi necessari per raggiungere l’obiettivo, che prende il nome del TO-BE con i relativi NICE-TO-HAVE che fanno parte della nostra componente consulenziale che coinvolge tutte le aree aziendali di ALFA GROUP.

Grazie a queste informazioni, ed all’utilizzo di standard internazionali di gestione dei progetti di migrazione dei software aziendali, è possibile definire gli step e gli obiettivi aiutando il cliente nell’adozione di soluzioni cloud-first.

  • Challenges
    Rivedere il tradizionale CED (Centro Elaborazione Dati) all’interno delle aziende virtualizzando e spostandolo all’interno di un data center astraendo le risorse hardware con la possibilità di variare velocemente le risorse assegnate ed attivando servizi su richiesta ed anche per brevi periodi.
    Inoltre è fondamentale il monitoraggio continuo della propria architettura in cloud sia dal punto di vista della sicurezza che di ottimizzazione dei costi.
  • L’approccio:
    Il processo di migrazione al cloud è un vero e proprio progetto di adozione di nuove soluzioni che garantisce la continuità dei software aziendali e introduce nuove modalità di accesso ai software aziendali come SAP, oppure il nostro RHD, con nuovi paradigmi. Spesso non è possibile spostare tutti i software/hardware aziendali sul cloud, pertanto, in queste circostanze si parla di soluzioni Hybrid-Cloud.

Il processo di migrazione al cloud, che identifichiamo con il nome di “Cloud Strategy”, necessita delle seguenti fasi:

  1. Migration preparation & business planning; Assessment; Design; Build & Migrate; Operate & Optimize.

Pertanto, i servizi che Alfa Group offre in materia di “Cloud Strategy” sono:

  • Cloud Consulting:
    Assessment delle architetture on-premise per progettare la migrazione in cloud, oppure in soluzioni cloud-ibride.Training su competenze Cloud per le aziende.
  • Cloud Migration:
    Realizzazione dell’architettura cloud nativa o cloud-ibrida con relativa migrazione di software esistenti su server/servizi in Cloud (SAP, RHD, portali web aziendali, etc.).
  • Cloud Managed:
    Gestione dell’infrastruttura Cloud per il cliente. In caso di competenze specifiche sui prodotti migrati (SAP, RHD, portali web aziendali, etc.) possiamo erogare anche un supporto sul prodotto-verticale (AMS)

Iscriviti alla nostra newsletter!